You are currently viewing Consigli per una schiena forte e sana

Consigli per una schiena forte e sana

Il nostro corpo è pensato per muoversi, non certo per trascorrere ore ed ore fermo davanti ad una scrivania o in macchina, oppure in piedi.

Quando non ci muoviamo, l’eccesso di energia si trasforma in tensione muscolare e il primo rimedio è muovere il corpo.

La pratica di Yoga Posturale è particolarmente adatta, poiché ripristina il naturale funzionamento del corpo, attraverso il movimento e il controllo del respiro. La pratica di Yoga Posturale mantiene tonica la muscolatura e le catene muscolari ben bilanciate, ripristina la curva fisiologica della nostra schiena, alleviando dolori e tensioni, porta ossigeno ai dischi, ai legamenti e alle articolazioni.

QUALCHE CONSIGLIO PER MANTENERE LA NOSTRA SCHIENA SANA E FORTE, da parte dell’osteopata Ilaria Magistri

COSA NON FARE

  1. NON riposare a lungo. Anche nelle fasi di dolore acuto il riposo deve essere il più breve possibile (mettersi a letto non è una terapia). Infatti in condizioni di immobilità, la muscolatura tende ad indebolirsi diventando ancora più incapace di sopportare le numerose sollecitazioni a cui viene sottoposta.
  2. Mantenere a lungo posizioni scorrette.
  3. Sollecitare eccessivamente muscoli e legamenti con sforzi violenti.
  4. Fare attenzione a sollevare i pesi sempre con le gambe e non con la schiena. Per spostare un carico, si consiglia di tenere il peso vicino al baricentro del corpo, per sollevare un carico invece, chinarsi leggermente flettendo le ginocchia ed allargare la base d’appoggio, mantenendo la colonna diritta.
  5. Indossare spesso tacchi alti. Sono invece consigliate calzature comode che permettano al corpo di bilanciare il peso correttamente.
  6. Stressarsi troppo. Cercare di evitare lo stress, quanto più possibile, costituisce un buon rimedio per alleggerire il mal di schiena, dal momento che le tensioni si scaricano spesso sul rachide.
  7. Fumare. Il fumo, tra le altre cose, peggiora il microcircolo, pertanto riduce l’ossigenazione dei tessuti muscolari, e questo porta ad un peggioramento del mal di schiena.
  8. Assumere una posizione corretta durante la stazione eretta. Tenere i piedi distanziati; flettere di tanto in tanto gli arti inferiori per avere una maggior stabilità.
  9. Alzarsi dal letto girandosi su un fianco, appoggiare le mani sul letto (il più vicino possibile dal corpo) e far scendere le gambe dal materasso.
  10. Curare la propria postazione di lavoro: questa deve essere adattata all’altezza del soggetto ed alle sue mansioni specifiche.
  11. Nella posizione seduta protratta si deve favorire la fisiologia della lordosi lombare. Questo significa che si deve accentuare la curvatura della schiena con una postura corretta, magari con il supporto di un cuscino tra nervo sciatico e schienale, avendo cura di cambiare spesso posizione.
  12. Alzarsi spesso e muoversi può essere molto utile per evitare di rimanere troppo fermi a lungo.
  13. Ridurre i carichi che gravano sulla schiena e proteggere la schiena da traumi ed evitare movimenti bruschi.

COSA FARE

  • Mantenere il proprio peso forma. Il sovrappeso è una delle cause principali del mal di schiena, perché porta ad un sovraccarico di dischi, articolazioni e muscoli. Una riduzione dell’eccesso di peso permette di dare un sollievo quasi immediato alle strutture dolenti.
  • Se si rimane “bloccati” sistemarsi in posizione antalgica (cioè a posizione in cui si è avvertito il trauma), in quanto in questo modo si attenua il dolore. È consigliato il riposo assoluto per un periodo non superiore a 12-48 ore 
  • Sottoporsi a trattamenti di figure professionali specializzate.
  • Evitare quanto possibile i colpi di freddo e le correnti d’aria.
  • Dormire: mantenere una buona qualità del sonno riduce il dolore diurno percepito, è inoltre importante controllare il proprio materasso per evitare che nelle ore notturne la schiena assuma posture anomale incrementando quindi il dolore.

Guidare con una corretta postura: è importante regolare il sedile in modo da mantenere le braccia e le gambe leggermente flessi, con la colonna ed il bacino aderenti al sedile.

Per avere una schiena sana bisogna muoversi, muoversi, muoversi!

PERCHE’ YOGA POSTURALE

  • Scegliere la pratica di Yoga Posturale aiuta a mantenere la mobilità delle articolazioni e aiuta a mantenere stabile il peso corporeo.
  • Yoga Posturale aiuta a mantenere l’elasticità muscolare, la mobilità della colonna e ad ossigenare i tessuti in profondità.
  • Yoga Posturale aiuta a tonificare e potenziare i tuoi muscoli.
  • I muscoli ‘stabilizzatori’ della colonna sono principalmente quelli addominali e dorso-lombari. Mantenerli tonici è importante per evitare che i movimenti ed i carichi della colonna vertebrale vadano a danneggiare dischi, articolazioni e legamenti.

Marzia Bendotti