Al momento stai visualizzando QUANDO LA POSTURA CONDIZIONA LE MIE GIORNATE

QUANDO LA POSTURA CONDIZIONA LE MIE GIORNATE

VUOI ARRIVARE A FINE GIORNATA SENZA DOLORI O STANCHEZZA CRONICA?

Come possiamo liberarci dal mal di schiena? Ridurre le tensioni al collo o i dolori articolari diffusi? Come possiamo ritrovare la serenità e il sotteso? Arrivare a fine giornata senza dolori e stanchezza cronica?

Ci ritroviamo spesso con spalle, schiena e collo doloranti, a causa di una postura scorretta; il troppo tempo passato davanti a una scrivania o davanti a un pc, le posizioni assunte durante la notte o movimenti azzardati causano atteggiamenti posturali dannosi che con il tempo procurano rigidità e dolore.

La pratica di yoga posturale consiste in una serie di posizioni yoga con semplici supporti ( sedia, cinghia, cuscino, coperta, mattoncino) che permettono di:

  • diventare consapevoli di come il proprio corpo si muove nello spazio
  • correggere tutte quelle posture che provocano tensioni, sia a livello fisico ( muscolari e articolari) che a livello mentale (stress, calo di energie, dolori diffusi)

Grazie alla pratica di yoga posturale possiamo eliminare le tensioni e gli sforzi non necessari, migliorare il nostro benessere corporeo, potenziare il nostro rendimento sul lavoro e nella vita privata, favorire l’equilibrio psico-fisico

Lo smart working, le lunghe ore seduti ad una scrivania o in posizioni scomode in macchina ci hanno portato a dimenticare l’uso corretto del corpo nello spazio, quell’uso istintivo e naturale che hanno ad esempio i bambini.

La pratica di yoga posturale si basa su un metodo in grado di aiutarci a disimparare cattive abitudini e a rieducare il nostro corpo ad un funzionamento più naturale e poichè il nostro stato fisico si riflette sul nostro benessere emotivo e mentale, la pratica regolare di yoga posturale porta serenità ed equilibrio, insieme ad un atteggiamento più positivo nei confronti della vita.

YOGA POSTURALE – Perchè?

Introdurre la pratica di yoga posturale nella propria quotidianità significa portare forza, mobilità e resistenza in tutto ciò che facciamo. Il metodoYoga Posturale può portare giovamento a molti disturbi provocati, direttamente o indirettamente, da una postura scorretta, da un’eccessiva tensione muscolare e dallo stress.

Tutto ciò che facciamo, sia che si tratti di un’azione banale oo una più complessa, ci costringe a seguire schemi di movimento e di riposo. Ciò è vero per ogni genere di azione quotidiana: stare sdraiati o in piedi, sedersi, aprire e chiudere la porta, camminare, salire e scendere dall’auto, scrivere, aprire un barattolo.

Nel compiere qualsiasi atto ricorriamo a schemi di movimento e di riposo che costituiscono l’uso specifico che facciamo di noi stessi e del nostro corpo. (Alexander)

Analizziamo insieme il concetto di uso:

Uso positivo significa usare il nostro corpo con il massimo equilibrio e la migliore coordinazione, così da impiegare l’esatta quantità di energia necessaria per quell’azione.

Questo è ciò che ci insegna lo Yoga Posturale: eliminare un uso goffo e dispersivo del corpo, evitare compensazioni casuali e inefficienti compiute da un’altra parte del corpo, al fine di mantenere equilibrio e srabilità.

Positivo o negativo che sia, tutto ciò che facciamo nella vita si manifesta attraverso un uso del corpo e di noi stessi.

Quando il nostro corpo è in posizione eretta, correttamente allineato, la postura influisce il nostro modo di respirare, poichè il diaframma non è schiacciato e quindi bloccato; come conseguenza, anche tutti i sistemi interni lavoreranno in modo equilibrato, gli organi interni non sono compressi e quindi affaticati, la circolazione del sangue è regolare, la mente è più quieta e centrata, non siamo in balia delle nostre emozioni.

Quanto è importante quindi la nostra postura!

Pensiamo a cosa accade alla nostra schiena nell’arco di una giornata: se non allunghiamo la nostra colonna, le vertebre si schiacciano e il peso del corpo grava in modo disequilibrato; alcune parti della nostra colonna sopporteranno una pressione maggiore di altre, i nervi potrebbero risultare schiacciati con un conseguente mal funzionamento degli organi cui questi fanno capo

Quando eseguiamo un movimento senza consapevolezza, l’unico risultato possibile è quello di allungare alcuni muscoli e accorciarne altri.

Capita a volte di sentire dolore per esempio ad una caviglia o allo stomaco e di andare inconsapevolmente a contrarre la zona che soffre, immobilizzandola.

In realtà, questa tensione eccessiva di muscoli e articolazioni rallenta la circolazioni, impedendo al corpo di auto-guarirsi.

Ogni volta che ci muoviamo senza consapevolezza, creiamo condizioni di tensione muscolare eccessiva e inutile.

Sarebbe impensabile imparare tutte le possibili e corrette combinazioni muscolari necessarie per compiere un movimento.

In questo lo yoga posturale ci aiuta.

Ci insegna a riconoscere i movimenti base e le posizioni corrette per utilizzare correttamente il nostro corpo, evitare atteggiamenti scorretti, rieducare il respiro e migliorare quindi la qualità della nostra vita, tutti i giorni.

Marzia Bendotti, specializzata in yoga terapeutico e posturale, riabilitazione funzionale